healthy breakfast

Colazione da Re: ecco cosa mangiare per vivere sani e magri

Colazione da Re, pranzo da Principe, cena da Povero: attenersi a questo vecchio adagio può aiutare a restare in salute e, se necessario, perdere peso. Ma come dev’essere la colazione ideale?  In primo luogo bisogna accertarsi di farla con regolarità, visto che sono molti gli italiani che appena svegli trangugiano un frettoloso caffè e scappano al lavoro: questa è una scelta sbagliata perché la prima colazione è, secondo i nutrizionisti, il pasto più importante della giornata. Dopo una notte di sonno il nostro organismo ha bisogno di ripartire con il giusto apporto calorico e con un mix di proteine e carboidrati.

Cosa mangiare, dunque, alla prima colazione? Dopo tante ore senza alimentarsi il nostro corpo ha certamente bisogno di liquidi: il tè, specialmente quello verde, è un’ottima scelta per idratarci in modo efficace. Allo stesso tempo si possono scegliere i succhi di frutta, rigorosamente senza zuccheri aggiunti, o ancora meglio una spremuta. Il caffè è uno stimolante, ed è quindi sconsigliato in alcune patologie:  a colazione, comunque, può essere efficace, soprattutto se abbiamo qualche problema a scrollarci di dosso coperte e cuscini.

Di prima mattina, inoltre, sono importanti i carboidrati complessi a basso indice glicemico che avranno la funzione di garantire una buona scorta di energia per accompagnarci durante le prime ore della giornata fino a pranzo: i cereali integrali, facendo attenzione alle versioni eccessivamente caloriche o zuccherate, sono considerati una buona scelta. Ottimo è anche il porridge, tipico piatto della tradizione inglese, che si può insaporire con miele o frutta secca. Per chiudere la nostra colazione da Re non dimenticate la frutta fresca: una mela al giorno toglie il medico di torno, recita il proverbio; il momento ideale per sgranocchiarla è proprio durante la prima colazione.