sigaretta

Aumenta il prezzo delle sigarette per ridurre i rischi legati al fumo

Il Ministero della Salute si trova d’accordo con l’istanza secondo cui, aumentando ancora il prezzo delle sigarette, potrebbe ridursi il numero di tabagisti: in questo modo, dunque, anche i rischi per la salute legati al consumo di tabacco andrebbero ridotti, e con loro il numero di decessi annui dovuti a patologie legate al fumo.

Ogni anno in Italia l’85-90% dei tumori al polmone, il 75% di quelli alla vescica e il 25-30% di quelli al pancreas sono dovuti al fumo di sigaretta. Tutto questo, unitamente all’insorgere di patologie cardiovascolari legate al consumo di tabacco, potrebbe essere combattuto attraverso un ulteriore aumento del prezzo delle sigarette: volendo emulare una politica già messa in atto con successo in paesi come la Norvegia e l’Irlanda, infatti, il governo italiano intende cercare di intensificare la lotta contro i danni prodotti dalle sigarette puntando più su iniziative di carattere economico che non su altre legate alla salute.