junk_food

Attenti al cibo, può danneggiare la vostra memoria!

Mangiare senza controllo, lasciandosi trasportare dalle emozioni piuttosto che dalla semplice “fame”, potrebbe danneggiare irrimediabilmente la memoria. Da uno studio dell’Università della California Meridionale a Los Angeles è, infatti, emersa una correlazione tra l’abitudine ad abbuffarsi e una riduzione della funzione mnemonica.

L’esperimento ha visto coinvolti 93 individui di età compresa tra i 18 e i 65 anni: attraverso una serie di questionari preparati ad hoc in merito al loro rapporto con il cibo e sulla loro capacità a rievocare fatti di un passato più o meno recente, i ricercatori sono riusciti a cogliere questa “strana” correlazione.

L’ipotesi avanzata è che si tratti di un vero e proprio circolo vizioso infinito in cui un problema fomenta l’altro: in questo modo, chiaramente coloro che hanno poca memoria del proprio passato tenderanno a dimenticare anche tutti gli episodi in cui hanno mangiato senza freni, non tenendone a mente le conseguenze (emotive e fisiche) e ricadendo, così, sempre nello stesso errore.